La stagione ideale per provare qualche sentiero in bassa quota: la Valle d’Aosta è ricca di caratteristici santuari inerpicati sui ripidi versanti delle nostre montagne.

Salendo la Valle di Champorcher, lungo la strada regionale, alzando lo sguardo potrete scorgere le bianche cappelle di Retempio, Barmelle e La Borney; posizionate quasi l’una di fronte all’altra, su versanti opposti, sono raggiungibili in circa 1.30h di camminata. Intorno alle cappelle oggi vediamo solo qualche baita abbandonata, ma ognuna di esse è testimonianza di antichi villaggi in cui vivevano numerose famiglie, anche se a noi oggi pare strano immaginare focolari accesi, campi coltivati e bambini scorrazzanti. Ogni sentiero ha le sue particolarità, ma ognuno di essi vi regalerà panorami mozzafiato.

BARMELLE

Una piccola chiesetta bianca arroccata sul versante della montagna: il santuario è facilmente visibile percorrendo la strada che va da Pontboset a Champorcher. Il sentiero, costituito da lunghe gradinate, si arrampica scosceso sul fianco del monte per condurvi nell’antico villaggio di Barmelle, un piccolo gruppo di baite da cui potrete ammirare l’intera vallata.

PONTBOSET – SANTUARIO DI RETEMPIO

La Visitazione di Maria e San Rocco, due centenarie processioni, che tra lo sgranare di rosari e antiche mulattiere, avranno la capacità di farvi scoprire il medioevale borgo di Pontboset e il romantico santuario di Retempio.

PONTBOSET FRASSINEY – LA BOURNEY

Una mulattiera tutta in salita. Abeti e pendenza celano ciò che attende all’arrivo: un intero villaggio costruito su un fazzoletto di prato così ripido da dare il senso di vertigine. Il panorama spazia dalla bassa Valle d’Aosta all’alta Valle di Champorcher e non si potrà fare a meno di chiedersi: perché un villaggio quassù???