Servizi

DI MAMMA CE N'E' UNA SOLA

Madre, moglie o amica,

per la festa della mamma

regala alla donna della tua vita

un’esperienza di gusto indimenticabile.

 

Acquistando una un soggiorno da Ambrosia potrai offrirle una notte fuori o regalarle

una vacanza (anche solo un week end) che ha sempre pensato sarebbe divertente fare insieme a te.

 

 

In taverna o nel giardino d’inverno, nella stagione fredda, in giardino d’estate, organizziamo serate culturali e gastronomiche; proponendo divagazioni sulle stelle, sulla storia locale, flora e fauna, sui vini, suggerendo itinerari in ricerca di sapori dimenticati, e alla scoperta degli artigiani e artisti.
Opere di artisti locali che, tra l’altro, esponiamo in casa quasi una sorta di vetrina.

  • Accessibile disabili
  • Area verde
  • Camino
  • Cantina/enoteca/degustazioni
  • Dehor
  • Parcheggio privato
  • Vista panoramica
  • Deposito sci

Il centro di Aosta dista 10 minuti di macchina e i collegamenti sono garantiti da un autobus urbano o navetta a chiamata ALLO BUS (fermata a due passi dal Bed & Breakfast), ma chi vuole rimanere nel verde, si può avventurare lungo le stradine della collina.

DALLA TERRA ALLA TAVOLA

La zucca, un giorno da protagonista

La zucca è un vero regalo dell'autunno, oltre ad essere bella e decorativa, ci permette di preparare piatti poco usuali, con quel gusto fra il dolce e il salato che li rende speciali. Ricette insolite come lo chutney di zucca da accompagnare le carni arrosto e i...

leggi tutto

UNA CILIEGIA TIRA L’ALTRA

E VIA A PREPARARE PIETANZE, DOLCI, MARMELLATE, Golosità TUTTE DA GUSTARE, SEMPRE A BASE D’UNO DEI FRUTTI PIÙ AMATI DELL’ESTATE, MA ATTENTI. LA SUA È UNA STAGIONE BREVISSIMA, DA COGLIERE … AL VOLO

leggi tutto

Tra aglio e cipolla

Tra aglio e cipolla Lo scalogno di Romagna, che quest’anno ho convinto Paolo a piantare nell’orto, ha dato i suoi frutti e ora abbiamo il primo piccolo raccolto. Piccolo perché non era pienamente convinto e quindi ne ha piantato poco; comunque anche con quello che...

leggi tutto

Il pino che sa di montagna

Oltre i mille metri, lo si incontra in tutto l’arco alpino: un cespuglio o un albero sempreverde forte e invadente, che ama spingersi ad alte quote, fin sotto le morene e al limite della vegetazione, dove i suoi rami, come prostrati dallo sforzo di adattarsi a condizioni così dure, si abbassano ma non cedono, e fanno da protezione contro valanghe e slavine. È tra i 1500 e i 2300 metri che il Pinus mugo trova il suo habitat ideale. È eretto, foltissimo, orgoglioso dei suoi rami dalle foglie ad ago leggermente ricurve, riunite a mazzetti di due o tre. Fiorisce tra aprile e maggio e poi si orna di frutti a pigna ovali contenenti piccoli semi scuri.

leggi tutto

FRITTATA di zucchine al profumo di menta

FACILE Tempo di preparazione: 20 minuti Tempo di cottura: 35 minuti Calorie a porzione: 340 Ingredienti per 4 persone Zucchine 4 piccole Peperoncino rosso 1 Olio evo 4 cucchiai Prezzemolo 2 rametti Aglio 1 spicchio Uova 6 Latte 3 cucchiai Grana grattugiato 3 cucchiai...

leggi tutto

GIUGNO NEL GIARDINO

Quando a fine raccolta, la frutta non è più al suo massimo splendore, è il momento di raccogliere gli ultimi duroni e metterli in bottiglia.
Per un aperitivo diverso.

leggi tutto

Cena rustica molto chic

Che piacere ospitare nella nostra casa, con il camino acceso, pochi amici da viziare con qualche prelibatezza! Il menù è country chic, con pochi piatti ma ben scelti.

leggi tutto

Lo boucoun-où

Merenda serale in dialetto valdostano - "patois" Mi piace curiosare e assaggiare i prodotti tipici di ogni luogo, così anche per la Valle d'Aosta - mia terra d'adozione - vado a ricercare tutti quei piccoli produttori attenti alla conservazione delle tradizioni...

leggi tutto

Le mele ritrovate

Le mele ritrovate Nei nostri orti, un piccolo spazio è dedicato a frutteto, dove trovano posto anche varietà antiche, salvate per passione da mio suocero. La mela è un frutto prezioso anche perché si conserva a lungo. Le prime si raccolgono a luglio, le ultime...

leggi tutto

GUIDA VINI

Freschi per la bella stagione

Giovani, profumati,, intensi, da abbinare a ricette leggere che sanno d’estate. Ecco 10 proposte da portare in tavola la voglia di sole. Dall’antipasto al dolce.

leggi tutto

Rossi e bianchi con le uova

Pasqua, tempo di uova, e non solo di cioccolato. Era abitudine contadina, infatti, scambiarsi, in questo periodo, le uovaper festeggiare la primavera, in segno di fertilità. Così le uova, soprattutto quelle di gallina, offrono lo spunto per pensare a nuovi abbinamenti. Cosa bere, per esempio, con un uovosodo o una frittata? È meglio scegliere vini rossi o bianchi?

leggi tutto

Per brindare con frittelle e chiacchere

A Carnevale in attesa dei rigori quaresimali, la tradizione gastronomica italiana è ricca di dolci semplici e farciti, morbidi e croccanti, ma soprattutto fritti, che vanno serviti con il vino adatto. Si tratta di un abbinamento non facile, perché, mentre i cibi salati presentano una netta prevalenza di sapori, ogni volta diversi, i dolci sono caratterizzati soprattutto dalla forte componente zuccherina, che restringe la scelta delle varietà enologiche da abbinare.

leggi tutto

Bianchi intensi con i frutti di mare

Ostriche, vongole, crostacei si abbinano a etichette corpose, che non devono prevaricare Quando i pensa a un plateau di frutti di mare si rievocano, quasi per associazione, vini ricchi di bollicine, come per esempio Champagne o spumanti metodo classico. Però non...

leggi tutto

Raffinate bottiglie da regalo

Champagne, spumante, etichette pregiate, insolite, poco conosciute. Per Natale il vino può diventare un dono molto gradito, se scelto con cura

leggi tutto

Davvero giusti con i formaggi

Intensità e corpo sono le qualità che permettono a rossi, bianchi e passiti di sposare i prodotti caseari Rossi, bianchi o passiti? La regola d’uso comune vuole che lo scettro spetti ai primi, perché naturalmente dotati di maggiore acidità, utile a bilanciare i decisi...

leggi tutto