Nel cuore del Piemonte, ma a solo un’ora di macchina dal B&B AMBROSIA, l’antico maniero di Pralormo svela al pubblico le sue fioriture, tra natura, arte e tradizione.

Consolata Beraudo di Pralormo, gli appassionati di piante e giardini probabilmente la conoscono già. Attenta custode delle memorie di famiglia, instancabile organizzatrice di mostre ed eventi su argomenti insoliti e suggestivi oltre che di una scuola di ricamo, grazie alla quale ha salvato dall’oblio un’antica tradizione piemontese, è però nota per aver ideato “Messer Tulipano”, spettacolare esposizione di tulipani ed altre bulbose, che dal 2000, tra fine marzo e maggio fioriscono a profusione nel parco del castello medievale, situato fra Asti e Torino, attirando migliaia di visitatori.

Fiori e giardino, del resto, sono sempre state le passioni delle donne di famiglia, proprietarie del feudo dal 1680. Nella seconda metà del settecento, per esempio, la contessa Tommasina affidò al conte Baldassarre di Piossasco, architetto di giardini, la progettazione del parco, che tuttavia venne realizzato solo nel 1820, su nuovo progetto dell’architetto belga Xavier Kurten, secondo lo stile paesaggistico inglese, in gran voga all’epoca.

      

Situato sul poggio lungo la strada che da Torino scende fino ad Asti, l’imponente castello è stato edificato nel 1200 come fortezza militare dai signori di Anterisio, per poi essere successivamente ampliato e modificato. E’ possibile visitarne una parte (cucine, dispense, salottino blu, sale da pranzo, bagno, camera dei bambini camera ci Carlo Beraudo, ministro degli interni intorno al 1820. Dal 23 marzo al 1° maggio il parco prirà al pubblico per “Messer Tulipano”, mostra con oltre 90.000 tulipani e altre bulbose da fiore, quest’anno il “Parco i tinge di Rosa”.

      

Tulipani di tutti i colori

Nel parco fioriscono tulipani stellati, a fiore di giglio, pappagallo, doppi, sfrangiati, profumati. I bulbi arrivano ogni anno dall’Olanda e vengono piantati ai primi freddi (mentre quelli dell’anno prima, tolti dal terreno, vengono piantati nel bosco).

     

La serra ottocentesca

Costruita nel 1896 dalla contessa Matilde Beraudo di Pralormo, per coltivare piccoli frutti succulente e agrumi,è stata fatta restaurare nel 1996.

     

Castello di Pralormo. Via Umberto I 26 10020 Pralormo (TORINO)