Diario di montagna

Nov 22, 2021

A Nerviano paese natio, i primi giorni malinconici di novembre, dedicati al ricordo dei morti, sono una poesia fatta di brina, di nebbia e tante nostalgie.

Mentre in Valle d’Aosta aperta e solatia che frequento da quando mi sono trasferita, in questo mese non si scherza quanto ad allegria. Stormi di uccelli neri si muovono insieme oscurando il cielo: cercano chissà cosa oltre il limite del bosco, tra i pascoli brulli e le rocce. Non cercano niente, perché non c’è niente da cercare: girano come seguendo un preciso rituale. Forse si radunano per darsi reciproco conforto negli erratismi invernali che la loro specie impone, e che li spinge verso il fondo delle valli per non morire di fame. I tempi delle chiacchere, dei saltelli, delle ricerche curiose di insetti tra gli anfratti sono di là a venire. Sembrano giocare agli uccelli di Hitchcock per impaurire i passanti quando in tantissimi sorvolano l’aria in un fruscio di squadra accompagnato da tenui versi di richiamo per mantenere lo stormo unito.

Ad alta quota tutto si stempera, i camosci sono scuri e irsuti, il mantello dei caprioli da color ruggine si fa grigiastro spento, più discreto. Il mondo sta diventando bianco e nero, ma non è ancora tempo di dimenticare i colori: gli alberi che segnano il confine con i pascoli nudi, i larici e i ciliegi selvatici sono vampate di gialli e rossi, incandescenti. Sopra l’arboretum di Entrebin, passando accanto al vecchio pero, che, lungo il sentiero fa cadere i suoi frutti per gli affamati di ogni specie, offre un’emozione impareggiabile. Trovarsi al cospetto degli ultimi aneliti d’autunno, per gli occhi che si stanno abituando all’idea dell’inverno e non si aspettano più tanto fulgore, è un effetto sorpresa quasi da choc.

In alto la prima neve spegne i colori dei larici facendo onore a se stessa e al suo candore vincente. Tabata salta fuori dall’auto aspettandosi tappeti di foglie secche, e invece, si bagna e si impregna del profumo dell’autunno. Poi, in casa, si acciambella sul tappeto e si gode, con la nostra stessa intensità il fuoco crepitante del camino.

Articoli correlati

Ottobre, primo mese di… primavera

Ottobre, primo mese di… primavera

Ho l’impressione che questo ottobre sarà come l’anno scorso. Un’estate torrida, temperature infuocate per un lasso di tempo infinito hanno stremato alberi e cespugli. E’ stato interessante, gironzolando in giardino, prendere nota di chi se l’è cavata. La magnolia ha...

leggi tutto
Ottobre, primo mese di… primavera

Ottobre, primo mese di… primavera

Ho l’impressione che questo ottobre sarà come l’anno scorso. Un’estate torrida, temperature infuocate per un lasso di tempo infinito hanno stremato alberi e cespugli. E’ stato interessante, gironzolando in giardino, prendere nota di chi se l’è cavata. La magnolia ha...

leggi tutto
Ottobre, primo mese di… primavera

Ottobre, primo mese di… primavera

Ho l’impressione che questo ottobre sarà come l’anno scorso. Un’estate torrida, temperature infuocate per un lasso di tempo infinito hanno stremato alberi e cespugli. E’ stato interessante, gironzolando in giardino, prendere nota di chi se l’è cavata. La magnolia ha...

leggi tutto